lunedì 30 ottobre 2017

Che Guevara, la solitudine dell'eroe


Si chiude ottobre e in un certo senso si chiude un intero mese dedicato alla figura del Che a cinquant'anni dalla sua morte. Per questo, alla periferia dei clamori e degli slogan incrociati dei simpatizzanti e dei detrattori, mi piace parlarne a bassa voce, così, anche solo per salutarlo. Diciamo intanto che io mi posiziono nella schiera dei simpatizzanti e, boh, mi verrebbe da dire, nella schiera di quelli che gli vogliono bene.
Sì, perchè con il Che, a differenza della maggior parte dei personaggi illustri del 900, quello che ti lega è una specie di filo sentimentale, una specie di catena invisibile che connette la gente buona. Mi accorgo di usare termini quasi infantili (voler bene, gente buona) ma il fatto che siano passati di moda non vuol dire per me che non abbiano senso. Una delle chiavi di lettura (non l'unica ovviamente) della storia può essere quella di dividere gli umani, soprattutto quelli che contano, tra quelli che stanno per il bene e quelli che stanno per il male. Questa specie di manicheismo a volte semplifica troppo ma a volte orienta. Credo che il Che stesse per il bene. Credo sia stato un uomo che voleva migliorare le condizioni di tutti, dare dignità, sorrisi. E credo volesse farlo davvero, in modo autentico, con il cuore. Credo che in questa battaglia, nata forse come il sogno spropositato di un ragazzo, come una guasconata, ci abbia preso gusto, sia cresciuta una vocazione profonda, sia diventata la sua pelle. Quella pelle che poi gli altri, visto il pericolo che rappresentava, gli hanno fatto. Non mi interessa molto analizzare il Che, sminuzzarlo, il politico, il guerrigliero, il pensatore, le scelte giuste, gli errori. C'è già chi lo fa molto bene. Trovo maggior gusto nel riflettere semplicemente sulla malinconia dell'eroe che gli si leggeva negli occhi. Nelle foto. Nelle parole. Quel senso di fine e quella enorme solitudine. Quella responsabilità verso il mondo che gli si andava costruendo addosso in modo incontrollabile. Il Che, non più il dottor Ernesto Guevara de la Serna, assillato dall'asma e dalle donne, ma un simbolo, un'icona, quella carne, ossa e sogni dove andavano a catalizzare ed esplodere le speranze di un pianeta intero devastato dall'ingiustizia. Ho sempre trovato di grande ispirazione il suo profilo intimo, direi, quei sorrisi mai felici per intero, quel senso di fine malinconica che attraversava ogni riga dei suoi diari in Bolivia. Mi sembra ci fosse un uomo che - mai dimenticarlo: è  fatto di battiti e paure, di malinconie e di ricordi, come tutti - era irreparabilmente diventato ostaggio di se stesso, della sua bellezza, dei suoi sogni immensi, della sua imprevedibile ascesa nell'immaginario collettivo. La solitudine dell'eroe. Questo sarebbe il titolo di qualcosa su di lui, per me. Quella condanna a vivere in una terra di mezzo disabitata in cui non sei più un semplice uomo ma sei pur sempre un uomo. Dove non puoi condividere con nessuno questa vertigine, dove sei costretto a morire da eroe, appunto, perchè la morte arriva presto per uno così, e lui lo sapeva. Una canzone di Guccini recita: "gli eroi son tutti giovani e belli" e a me questa frase ha sempre fatto pensare al Che. Espropriato della sua semplice vita di uomo e diventato una speranza di tutti. Con un sorriso triste.
Posta un commento